La diga di Molare e il disastro del 1935

9 novembre 2019
proposta di itinerario
Molare digatipologia escursionismo e storia
accompagnatoregiorgio temporelli
numero massimo partecipanticinquanta

All’alba di martedì 13 agosto 1935 straordinarie precipitazioni iniziarono ad abbattersi improvvisamente sulle valli di Orba e Stura: in meno di otto ore, e con un periodo di relativa calma tra le 11 e mezzogiorno, caddero sulla zona oltre 40 centimetri di pioggia e il livello dell’Ortiglieto salì in maniera preoccupante. Gli addetti ai lavori attivarono tardivamente l’unico scaricatore dei due principali utilizzabile, che si bloccò dopo poco tempo poiché intasato dalla melma; ebbero ancora il tempo di avvertire telefonicamente del pericolo le centrali elettriche delle vicinanze e le autorità locali. Verso le 13.15 il bacino non fu più in grado di contenere l’acqua…Con Giorgio Temporelli che su questo argomento ha dedicato studi e compiuto ricerche ripercorriamo i momenti terribili che condussero alla morte di molti a seguito della esondazione del lago artificiale e al crollo della diga secondaria di Sella Zerbino.

Clicca qui per il programma dell’escursione